06 8416274     info@aagi.it
  • facebook

Condividi su

Araldica, genealogia e nobiltà

Un po' di chiarezza su cosa sia e su cosa si concentrano gli studi dell'Araldica

L'Araldica è, per la maggior parte dei non addetti ai lavori, la materia che studia tutti i vari aspetti della storia di una famiglia: origine e significato del cognome, cronologia degli antenati, esistenza di uno stemma e di eventuali titoli nobiliari o onorifici.
Tale erronea convinzione, in parte alimentata anche da ciò che si trova on line, crea una certa confusione e può disorientare chi vorrebbe conoscere il vero passato della propria famiglia. Cerchiamo qui di fare un po' di chiarezza.

L'Araldica studia esclusivamente gli stemmi, detti anche blasoni, e gli elementi grafici e ornamentali che li compongono dandone la cosiddetta "blasonatura" cioè la descrizione delle forme e dei colori con termini araldici.

Anche sul web si trovano ormai facilmente numerosi "blasonari" che mostrano una gran quantità di stemmi di famiglie italiane. Nella quasi totalità, questi stemmi sono di tipo gentilizio, quindi di famiglie che hanno goduto, almeno in passato, di una qualche forma di nobiltà, e chi vi trova uno stemma legato al proprio cognome è portato a credere che esso sia lo stemma della sua famiglia e che, quindi, la sua famiglia abbia un passato più o meno illustre e abbai diritto ad un titolo nobiliare.

Ma la realtà è ben diversa perché non è assolutamente vero che tutte le famiglie contraddistinte dallo stesso cognome hanno la stessa origine e la stessa storia. Un cognome, infatti, soprattutto se con un alto grado di diffusione a li-vello nazionale, può essere sorto con varie motivazioni e in modo del tutto in-dipendente, in epoche e località assai diverse.

In conclusione, non si può attribuire lo stemma di una famiglia storicamente documentata a tutti coloro che hanno lo stesso cognome o, ancor peggio come talvolta accade, un cognome simile o assonante, considerando lo stemma come una prova di nobiltà. Nella grande maggioranza dei casi si può solo affermare che per un dato cognome esiste uno stemma documentato.

Per comprovare che si ha diritto alluso di uno stemma nobiliare, e a tutte le prerogative ad esso connesse, bisogna entrare nel campo della Genealogia cioè della disciplina ausiliaria della storia che studia e precisa l'ascendenza di una famiglia dalle origini più remote fino ai nostri giorni.

Solo la ricostruzione dell'albero genealogico, basata sulle registrazioni di nascita, matrimonio e morte dei singoli ascendenti, può dimostrare in modo inoppugnabile che l'attuale rappresentante di una famiglia discende da un antenato che, in una certa epoca passata, ha avuto un riconoscimento della sua nobiltà e dello stemma.

Ma l'importanza e il valore di un albero genealogico non dipende certo dall'esistenza di un titolo nobiliare. Anche le famiglie di origine borghese, artigiana o contadina hanno avuto una storia degna di essere conosciuta e la genealogia ne rivela i molteplici aspetti mettendo in luce le località di origine e i cambiamenti di residenza, le professioni e i mestieri esercitati e le parentele con altre famiglie. Inoltre, possono emergere informazioni di carattere genetico come l'incidenza di parti gemellari e la durata media della vita nel succedersi delle varie generazioni.

Chiamaci al numero 06 8416274 Richiedi un preventivo Stampa la paginaStampa la pagina